venerdì 2 dicembre 2011

Dove acquistare un semplice impianto perimetrale per la casa?

Salve, da giorni sto “spulciando” il blog per farmi una cultura in quanto vorrei farmi un semplice impianto perimetrale per cautelarci più che altro quando siamo in casa.  
Vorrei fare-da-me, ma parto da zero con gli allarmi. La casa è già predisposta (canaline) e si tratta solo di installare una centralina e i vari sensori (a contatto per le persiane e a filo per gli abbaini). Ma dove si comprano gli allarmi? Sono funzionali quelli del Leroy/Brico/etc..? Se vado da un installatore vorrà anche installarmelo.. e mi narrano che per programmarli servono tool particolari. Quanto lavoro di programmazione potrà mai richiedere una centrale? E al limite non lo si può fare via seriale? Neanche pretendessi un’interfaccia web.. 
Ho letto che non da consigli per gli acquisti, ma chi sceglie il fai-da-te, dove va a comprare? 
Il materiale per i sistemi di allarme si possono acquistare dai distributori di materiale elettrico o da quelli specializzati (che in genere trattano solo sicurezza ed automazione, due settori affini per distribuzione commerciale).
Sicuramente se ha bisogno magari anche di qualche consiglio e di un aiuto nell’acquisto di materiale la indirizzerei verso un distributore specializzato in quanto, trattando solo questa tipologia di prodotto, è già più preparato e disponibile verso un cliente a cui serve qualcosa di più che il semplice commento tecnico su questa o quella marca — e potrà anche darle suggerimenti relativi all’installazione.
Per la programmazione delle centrali più semplici (come mi sembra di capire sarà nel suo caso) non servono tools particolari – basta leggere bene le istruzioni, utilizzare l’interfaccia a bordo o remota (tipicamente, una tastiera con un display) e sapere cosa si sta facendo. Alcune centrali non necessitano proprio di programmazione, se non di quelle basilari facilmente realizzabili quali impostare i codici, i tempi di ritardo, etc. Certamente ci sono modelli che possono essere programmati utilizzando un PC, dipende dalla centrale (alcune anche con l’interfaccia web), ma credo che il gioco non valga la candela visto che il suo impianto mi sembra molto semplice.
L’unico aspetto un po’ sensibile, se posso usare questo termine, del fai-da-te è la parte di collegamento alla rete elettrica che dovrà fare con molta attenzione ed in modo opportuno dal momento che, in teoria, questa sua operazione andrebbe ad invalidare la certificazione sull’impianto e potenzialmente, oltre che ad essere un problema dal punto di vista della normativa, è anche pericoloso se non si hanno le opportune conoscenze.