mercoledì 7 gennaio 2009

Ritardo d'ingresso, ritardo d'uscita

I dispositivi di comando - tastiera o chiave elettronica - che servono ad attivare l'impianto antifurto possono essere collocati all'interno (tipicamente, nell'ingresso, vicino alla porta) od all'esterno dell'area protetta. Se installati all'interno, ci saranno dei sensori che proteggeranno l'area dove sono collocati e/o (almeno) un contatto che segnalerà l'apertura della porta d'ingresso.
Nel nostro esempio, rappresentato in figura, supponiamo di avere una tastiera (K1) installata vicino alla porta, all'interno dell'appartamento. Per digitare il codice e disattivare l'impianto antifurto dovremo aprire la porta ed avvicinarci alla tastiera, facendo quindi andare in allarme il contatto 1 ed i sensori infrarosso volumetrici A e B che sono installati a protezione dell'ingresso. Per evitare di avere un allarme ogni volta che entriamo in casa (utile per verificare che l'impianto funzioni, ma poco consigliabile per i Vostri vicini) utilizziamo una funzione della centrale chiamata ritardo: con questa funzione, i contatti ed i sensori che sono a protezione dell'ingresso sono programmati per generare prima un pre-allarme e poi un allarme. Il pre-allarme ha la durata di qualche decina di secondi - sufficienti per disattivare l'impianto e poi - se l'impianto non viene disattivato, allo scadere del tempo impostato - si trasforma in allarme. Durante il pre-allarme le periferiche di uscita (la sirena esterna e/o il combinatore telefonico) non vengono attivate, ma in alcuni casi si utilizza un cicalino o una sirena interna con suono debole intermittente per segnalare che è comunque in corso una situazione di pre-allarme e che bisogna disattivare l'impianto al più presto. Ovviamente la stessa programmazione è utile anche quando si deve attivare l'impianto per uscire: il ritardo in questo caso agirà al contrario, aspettando il tempo impostato prima di attivare effettivamente l'impianto e permettendo di uscire senza generare un indesiderato allarme.